| EN | DE |
| EN | DE |
logo Delicious Cortina
RifugioNuvolau
©www.bandion.it
| EN | DE |
| EN | DE |
logo Delicious Cortina
RifugioNuvolau
©www.bandion.it

Rifugio Nuvolau

Periodo di apertura: aperto solo in estate - da metà giugno a fine settembre

Costruito nel 1883 il rifugio Nuvolau è il più antico delle Dolomiti.
Autentico nido d’aquila edificato sulla sommità del monte Nuvolau (2575 metri!), è rinomato fin dagli albori dell'alpinismo per il panorama mozzafiato.

Già Paul Grohmann lo decanta nella sua opera “Wanderungen in den Dolomiten” del 1877: “… Un mare di montagne è davanti a noi, e sarebbe inutile volerle elencare o descrivere. Soltanto la macchina fotografica potrebbe fissare le nostre impressioni…”.

Il grandioso colpo d’occhio che si schiude dalla cima, soprattutto in occasione della levata del sole, ripaga della fatica della salita fin lassù.

Lontano da impianti di risalita e dal caos del centro di Cortina, lo si raggiunge facilmente a piedi.

Il rifugio è organizzato in stile vecchia maniera e ci vuole un pizzico dello spirito d’adattamento dei pionieri dell’ottocento, per toccare il cielo con un dito.
Del resto questo fa parte del fascino un po’ ruvido ma genuino del vivere la montagna in modo autentico.

Il rifugio dispone di 24 posti letto divisi nel seguente modo:

  • 2 camere a 4 posti
  • 1 camera a 3 posti
  • 1 camera a 5 posti
  •  un camerone a 8 posti

 Dalle camere si gode di uno stupendo panorama su Cortina, Passo Giau e Marmolada.

Non si accettano prenotazioni per gruppi superiori a 8 persone, salvo accordi con il gestore.

Non si possono prenotare camere, ma solo posti letto. Sarà poi compito del gestore fare il possibile per soddisfare le necessità dei clienti.

Dovendo ospitare molti escursionisti capita anche che chi prenota si trovi costretto a dividere la stanza con altre persone. Salvo gravissime condizioni di tempo estremo, il rifugio non può alloggiare persone più della sua capienza.

Si richiede il silenzio dopo le ore 10 p.m. per rispetto degli escursionisti che vogliono partire la mattina presto.

L'acqua viene trasportata via teleferica dal rifugio Cinque Torri con un dispendio di forze ed energie incredibile. Per questo motivo non è possibile fare la doccia.

Le stanze vanno liberate entro le ore 9.00 del mattino.

La colazione è servita dalle 7-7.30 fino alle ore 9.00.

Prezzi

Posto letto camerata    
26,00 euro
13,00 euro - Prezzo soci Cai*

Posto letto camera 4-5 pax
30,00 euro
15,00 euro - Prezzo soci Cai*

Lenzuola cotone in affitto     
11,00 euro

Sacco lenzuolo carta in vendita     
6,00 euro     

The caldo     
2,50 euro

Pastasciutta     
7,50 euro

Minestrone di verdura     
7,50 euro

Acqua min. 0.5 lt     
2,00 euro
1,80 euro -  Prezzo soci Cai*

Acqua min. 1.0 lt     
2,50 euro
 

*Sconti per i soci CAI
I prezzi sono dettati dal CAI Cortina e sono previsti degli sconti per i soci.

La storia del rifugio Nuvolau

Il panorama straordinario che si ammira dal monte Nuvolau è conosciuto da secoli e i sentieri che partono dal passo Falzarego, passo Giau, Castello di Andraz e 5 Torri sono molto antichi.

Dall'alba del turismo all'inizio dell' 800 le guide alpine d'Ampezzo erano fiere di portare i loro ospiti in cima a quel monte abbastanza facile da raggiungere e che allo stesso tempo offriva un panorama mozzafiato sulle Dolomiti.

Il rifugio Nuvolau è il primo ricovero costruito in alta montagna nel territorio di Cortina Ampezzo. Aprì i battenti agli escursionisti l’11 agosto del 1883, grazie alla volontà del colonnello Richard von Meerheimb di Dresda, che era riuscito a debellare una grave malattia ai polmoni trasferendosi in Ampezzo.

Per tramandare ai posteri la sua riconoscenza alla valle che l’aveva ospitato e guarito, il colonnello elargì del denaro alla locale Sezione del Club Alpino Tedesco e Austriaco, stabilendo l’obbligo d’impiegare il contributo per costruire un ricovero alpino.

Sotto la presidenza di Giuseppe Ghedina Tomasc, sorse così il primo rifugio di Cortina.

Memore del gesto del colonnello, la Sezione Ampezzo battezzò la costruzione “Sachsendankhütte”, ossia il “rifugio del ringraziamento del Sassone”.

La Sezione del CAI Cortina, riconfermata proprietaria al termine della Prima Guerra Mondiale, lo ampliò e nel 1930 offrì agli alpinisti un rifugio più grande e accogliente, meta oggi come allora degli appassionati dell’alta montagna.
Per godere dei leggendari tramonti e delle albe rosate dalla cima del Nuvolau, si può approfittare dell’ospitalità della famiglia Siorpaes che gestisce il rifugio da oltre trent’anni.

 

Da sapere

Indirizzo:

Rifugio Nuvolau
Monte Nuvolau
Cortina d'Ampezzo
32043 (BL)

Altitudine: 2.575 m.

Posti letto: 24

Accesso: facilmente raggiungibile a piedi

WiFi: gratuito

Animali: animali non ammessi nelle camere