| EN | DE |
| EN | DE |
logo Delicious Cortina
Enrosadira
©Enrico Righetti
| EN | DE |
| EN | DE |
logo Delicious Cortina
Enrosadira
©Enrico Righetti

L'enrosadira dolomitica

Il fascino del tramonto sulle Dolomiti è rinomato in tutto il mondo.

I monti frastagliati si accendono di colori che vanno dal rosa al rosso fuoco, cogliendo di sorpresa anche il montanaro più avvezzo.

Dormire in uno dei nostri rifugi è il modo migliore per ammirare le albe rosate e i tramonti infuocati. Il team Delicious organizza appositamente colazioni nelle prime ore del giorno, aperitivi e cene.

A Col Gallina si può addirittura ammirare il cielo d’alta quota in prima fila, accoccolati in comode stanze mobili dalle pareti di vetro.

Si tratta della “Starlight Room Dolomites 360°” e della “Starlight Room Dolomites Gourmet”, studiate per rendere confortevole una notte speciale in compagnia del cielo che cambia a seconda del momento: di sera l’enrosadira accende di rosso il paesaggio, la notte una cascata di stelle e la luna a farvi compagnia, all’alba il rosa colora le grandi Star di passo Falzarego: il Lagazuoi, la Tofana di Rozes e il Sass de Stria.

Imperdibile!

La leggenda dell’ "enrosadira"

Come racconta un'antica leggenda, un tempo le Dolomiti erano fiorite di rose rosse e conservavano immensi tesori. In mezzo alle rose abitava un popolo di gnomi, su cui regnava il re Laurino.

Il regno non era protetto né da mura né da palizzate, ma solo da un sottilissimo filo di seta. Un giorno il re venne catturato e imprigionato. Attribuendo la colpa alla bellezza delle rose che aveva attirato nemici, il re fece un incantesimo: trasformò in pietra tutto il giardino in modo che le rose non si potessero vedere né di giorno, né di notte.

Laurino però, aveva dimenticato il crepuscolo, momento in cui, ancora oggi, è possibile ammirare i riflessi rossi del giardino incantato…

Averau_Enrosadira
©www.bandion.it